Carteggio XVIII: Ricordi e attese – La storia dei ricordi (2ª parte)

image

di Gianluca D’Andrea

Ricordi e attese – La storia dei ricordi (2ª parte)

Stephen si chinò in avanti e scrutò
lo specchio a lui offerto, rigato da
un’obliqua incrinatura, ritti i capelli.

J. Joyce

È il ricordo di voi, dei mesi appena trascorsi a slanciarmi nelle mie nuove piccole avventure. Rigati i miei ricordi che si trasformano in visuali, in potenze, nell’altra (sempre altra) aspettativa, l’attesa di una nuova risoluzione – visione a venire – visione.
Rigato il pavimento su cui mi chino a cancellare ogni macchia di presenze precedenti, la casa nuova dalle abitudini vecchie di altri abitatori. Lo spostamento è abitare continuamente una cancellazione – dovuta, voluta, necessaria? Evenienze che mi riguardano – ma non in tutto, non pienamente – perché ho logorato un habitus, sto ripristinando un habitus.
Voi ci siete, molti altri loro ci saranno, ci sono stati, ci risaranno nel giorno della scomparsa e ricomparsa di me rigato da un’increspatura in cui il tempo si fa specchio e costellazione, capelli, voci e riflessi di ri-creazione, uno spostamento, una membrana.

(Agosto 2014)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...