Poesia a lume di naso (intorno a “Transito all’ombra” di Gianluca D’Andrea) – Angelo Rendo

Nabanassar

“[…] Il messaggio lontano della fogna
che, muta e pregna, vomita nel mare.” (p. 16)

È l’olfatto il senso più desto in D’Andrea, i ricordi aggallano, la storia è una congerie escrementizia. Ma dal titolo ci si aspetterebbe un passaggio. Altro, rispetto al subbuglio che, sin dagli esordi, ha caratterizzato la sua poesia. Invece ombra, questo essere a metà. Una sosta, quasi a rischiararsi e ristorarsi, credi. Ma all’ombra il poeta indugia troppo; non un transito ma una “seduta”, più mestiere che vocazione.

Una storia, la sua, che è talmente irrorata dalle più diverse tracce mnestiche da caricarsi sul dettato e ingarbugliare la forma, che quasi mai combacia con la sostanza.

È evidente che la malìa filosofemica affascini questa poesia e la sporchi, a quando una bonifica? Inoltre, la contemporaneità con tutti i suoi gingilli e le sue perfidie batte sotto, titilla il civismo poetico, ma non si scioglie nel…

View original post 554 altre parole

LETTURE di Gianluca D’Andrea (33): IL VENTO PROIETTA LA SUA OMBRA

Snow Storm - Steam-Boat off a Harbour's Mouth exhibited 1842 by Joseph Mallord William Turner 1775-1851
William Turner, Tempesta di neve – Battello a vapore al largo di Harbour’s Mouth, 1842 (fonte: Tate)

di Gianluca D’Andrea

Così si allungano d’improvviso
le ombre alla fine dell’estate
e già producono l’antimondo
dell’inverno, all’inferno.

(Antonio Porta, Yellow, 2002, p. 6, vv. 8-11)

L’inferno dello straniero che è la nostra ombra, libra nelle nostre atmosfere l’aerea scintilla della forma, un nugolo di violenza che scema nel nulla della storia.

The wind cast its shadow and moves for the tree

(Nick Cave, Anthrocene, v. 18, dall’album Skeleton Tree, 2016)

La simbologia di un’oscura distruzione che è la morte che non può, non deve essere confusa con la vita, occorre ci trascini fuori dalla pozza che ci rispecchia e che, sempre più spesso, amiamo toccare:

«Isolare la morte dalla vita, impedire che l’una sia intimamente intrecciata con l’altra».

(Jean-Luc Nancy, L’intruso, 2000, p. 20)

Fuori, nel mondo che riteniamo distante dalla nostra intimità, è ancora percorribile il transito, quel percorso di distanziamento dall’io che ci avvicina al noi? Nel nostro “antimondo” che è la visione allucinata della nostra scomparsa “si allungano le ombre” di un “inferno”, quello dell’inserzione fraudolenta che soffoca la relazione:

«ci troviamo su di un crinale estremo e disperato: la necessità di salvare il mondo materiale dagli eccessi dello sviluppo può essere sostenuta solo dalla diffusione di comportamenti culturali che sappiano allontanarsi dall’abito dell’eccesso, che sappiano uscire, nell’esercizio delle forme comunicative, artistiche, letterarie, dal circolo illimitato del consumo fine a se stesso».

(Giulio Ferroni, Introduzione a Dopo la fine – Una letteratura possibile, 2010, p. XIX)

Ci troviamo, cioè, a dover affrontare l’estremità della “consumazione” e vestirci di un altro abito d’eccesso, quello della resistenza al consumo, è il vero modo di affrontare l’eccesso apparentemente astratto del ciclo del consumo stesso, superando ogni sterile minimalismo.